Perdita di esperienza

Quasi cent’anni fa Walter Benjamin denunciava una nuova barbarie del suo tempo: la perdita di esperienza. Anche oggi, divorati dalla complessità del presente, gli esseri umani anelano a un ambiente confortevole, in cui lasciarsi attraversare da flussi d’informazione e poter delegare ad agenti esterni tutto ciò che ha a che vedere con la loro felicità, per nutrirsi di certezze semplici e fugaci. L’esperienza ha invece in sé qualcosa di violento, di pericoloso, attraverso il quale è necessario spingersi per arrivare a vivere-con i diversi mondi che ci attraversano – per poter pensare. Nell’epoca in cui i soggetti sono divenuti profili, prodotto interpassivo dei dispositivi di potere e delle tecniche esercitate dal governo degli algoritmi, sentiamo allora la necessità di tornare a vivere i nostri pensieri e le nostre sensazioni, di accedere a strutture di azione capaci di recuperare una certa pratica del reale: di dare senso all’esperienza vissuta.
È forse così che possiamo rileggere, nella contemporaneità, l’imperativo volto ad “aver cura di se stessi” della filosofia greca antica: come la necessità di una costante terapeutica delle soggettività e degli stili di vita, un’etica e una poiesis dell’esistenza ben lontana dalle derive individualistiche, ma anche dal narcisismo estetizzante o dalla contemplazione snobistica del disastro. Libertà è allora innanzitutto una pratica, un costante impegno nel confronto e nella cura di sé e degli altri, per costruire una salute integrale, dell’esistenza e del pensiero.
                                                                                                                         

grazie @ Sara Baranzoni

Azione ?

prendete distanza da chi riempe la tua attenzione senza chiedere permesso.

ascoltate musica andata a cercarla negli occhi delle persone che la costruiscono vivendola.