Cerca

Qui e allora?

Antropologo in una epoca di passaggio. È vero che non sei responsabile di quello che sei, ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

Categoria

Consumo consapevole

Tra le righe

Articolo molto interessante, soprattutto nel finale.

Due riflessioni :

– l’articolo è studiato per vendere l’iPhone 8 parlandone ironicamente male ?

– articolo colto per farci capire che la felicità non passa dal continuo desiderare / comprare / rincoglionire 😬

La foto è una sintesi del cortocircuito emotivo al quale siamo sottoposti .

Eccolo

Come probabilmente non avete potuto fare a meno di apprendere qualche settimana fa, il nuovo iPhone 8 vanta una “agevolericarica wireless”, il che significa che invece di infilare il cavetto nel telefono e inserire la spina nella presa, basta semplicemente appoggiare il telefono sul caricatore. Che poi si collega alla presa. Se vi riesce difficile immaginare che genere di persona trovi insopportabilmente scomodo il fatto di dover infilare un cavetto nel telefono, soprattutto visto che deve comunque lasciarlo dov’è mentre si carica, allora siamo in due.

Ma sono sicuro che il caricabatteria wireless attecchirà lo stesso, perché Apple ha capito una cosa fondamentale sulla psicologia della comodità: metà delle volte, non ha niente a che vedere con l’eliminazione di compiti noiosi o faticosi.

Serve solo alle aziende per introdurre nuovi prodotti “dei quali non sapevamo di aver bisogno” – un modo fantasioso per dire che non ne avevamo bisogno – ben sapendo che quando tante altre persone li avranno, li vorremo anche noi, e una volta che li avremo avuti, non vorremo perderli. “Immagino che sia una di quelle cose delle quali non ti importa niente finché non cominci a usarle”, ha scritto un possessore di caricabatteria senza fili per cercare di spiegarne il fascino. Il che è vero anche per l’eroina, ma per il momento lasciamo perdere.

Comodità indotta

La principale responsabile di questo è probabilmente la cosiddetta avversione per la perdita, il fenomeno per cui l’idea di perdere dieci euro ci sconvolge più di quanto non ci ecciti la prospettiva di guadagnarne dieci. Forse per ragioni evolutive, siamo molto più motivati a tenerci stretto quello che già possediamo che non a cercare di ottenere quello che ancora non abbiamo. Aggiungete a questo un’innata tendenza alla pigrizia – il nostro istinto a conservare più energia possibile e a evitare qualsiasi sforzo – e capirete subito perché, una volta che ci hanno convinti ad adottare certe finte comodità, è improbabile che vogliamo rinunciarci.

Prima di avere la ricarica wireless, lo sforzo di infilare un cavetto nel telefono ci sembrava irrisorio, ma una volta che ce l’abbiamo, diventa troppo comoda per farne a meno. E perciò anche se, come me, siete il tipo di persone che sognano di tornare indietro da un telefono intelligente a un telefono scemo, vi ritrovate a comprare il nuovo smartphone.

La cosa più difficile è fare buon uso del tempo che già abbiamo

Un’altra strana implicazione della mania della Silicon valley per le “comodità” è che, messe tutte insieme, queste piccole seccature quotidiane – infilare il cavetto nel telefono, dover parlare con un essere umano per ordinare una pizza, inserire una carta di credito in un dispositivo invece che appoggiarcela – costituiscono un serio ostacolo alla possibilità di avere una vita più piena e più felice.

Ma il risparmio di tempo è veramente ridicolo. La cosa più difficile è fare buon uso del tempo che già abbiamo. Perché, anche se il caricatore wireless ci facesse risparmiare un’ora al giorno, invece che tre secondi, quella stessa tendenza alla pigrizia ci farebbe passare l’ora risparmiata a curiosare su Facebook o su Instagram invece che a scrivere un libro, a fare volontariato o qualsiasi altra cosa. E come potremmo curiosare su Facebook? Proprio con quello smartphone che avrebbe dovuto farci risparmiare tempo. Bisogna ammettere che tutto questo è molto comodo. Comodo per la Apple e per tutti gli altri produttori, ma non per noi.

(Traduzione di Bruna Tortorella)< em>Questo articolo è uscito sul quotidiano britannico The Guardian.

Social media efficace

Esempi che funzionano.

Credo che il brand in questo caso sappia molto bene cosa vuole comunicare.

Esempio di comunicazione utile per tutti. Non solo per il brand. Senza traumi, sangue, culi, ma con intelligenza.

Mi piace l’idea che si possa fare business scegliendo un nuovo target molto poco battuto come quello degli svegli. 

Qui sotto esempio opposto.


Pillole di conoscenza

Lo sai che  :
Dati FAO alla mano, più dell’80% della agricoltura mondiale è assicurata dai piccoli produttori che praticano l’agricoltura familiare. La soluzione della malnutrizione non risiede certo nella coltura delle piante OGM bensì nelle corrette pratiche agricole, nella coltura di varietà locali e nella riduzione del consumo di prodotti di origine animale, solo per proporre tre soluzioni sotto gli occhi di tutti.

La vedo così anche io.

Salvare il pianeta, da chi? dalla stupidità

12768316_841001179359069_3581103909341948681_o

The most interesting supermarket in the world “WEFOOD

Chiaro che svegliarsi la mattina e leggere che una tua idea sulla quali lavori da mesi  è citata pari pari in un articolo sul Washington post e sul Guardian fa ben sperare.

Certo sono diversi i bisogni e la mentalità della Danimarca, ma sicuramente ci possono essere spunti interessanti sui quali riflettere. Io intanto ci vedo i sorrisi delle persone.  Non dimentichiamoci che il lavoro  è nobile se utile, diversamente è sfruttamento.

11986914_1655314738058495_4578434344205518785_n

Dalla loro pagina Facebook  esempio di comunicazione con traduzione by google . Il concetto è così semplice che si capisce ugualmente :

Ci sarà durante la festa di inaugurazione riuscire ad assaggiare le delizie dei campioni da wefoods gamma di prodotti. Per esempio, puoi verificare se puoi assaporare la differenza tra ” nuovo ” e ” vecchia ” caffè in Skovens Kaffe o ottenere spinto il tuo succo in Friskpresset. Potrete anche gustare RawBite pag, citrus da Fresh.Land e frutta italiana e grøntdelikatesser da italianbox se hai sete hai gusto frugtsodavand daSan Pellegrino Danmark, acqua di sorgente da føtex, frullati da Froosh o fairtradekaffe da Fairtrade By København

qualche foto di progetti di frutta “trasformata” e consumata:

succhi di frutta istantanei10397140_1550153405251357_2160863448443662597_o

 

 

Leggo tanto, anche le etichette.

Leggiamo per conoscere e per sognare.

Conoscere ci vuole impegno. Sognare è un piacere.  “Leggo tanto anche le etichette” è quindi lo spazio dedicato al trovare piacere, nel conoscere.

Abbiate pazienza.

 

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Pianopiano forteforte

Taccuino di una mente affollata.

M's Blog

stay calm within the chaos

consciety.wordpress.com/

Il blog che ti racconta cosa c'è dietro a quello che indossi

Disobbedienze: culture digitali e tecnologia

Antropologo in una epoca di passaggio. È vero che non sei responsabile di quello che sei, ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

IN BRODO

Nulla si butta tutto si trasforma. L'antica tecnica culinaria del brodo per riscoprire la relazione profonda tra il cibo le persone e il territorio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: