Cerca

Qui e allora?

Antropologo in una epoca di passaggio. È vero che non sei responsabile di quello che sei, ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

Categoria

Uncategorized

Spirito e virus

Vito Mancuso

«Il virus attacca i polmoni, ricordandoci quanto dipendiamo dal respiro. In greco, in latino, in ebraico, in sanscrito, nella lingua indù, la parola spirito significa proprio respiro, aria che si muove, vento. Perché tutte queste lingue, tra la tantissime parole che avevano a disposizione, sono andate a prendere proprio questa per nominare quella parte dell’essere umano che noi chiamiamo anima spirituale? Suppongo perché l’aria è la cosa più imprendibile che ci sia. Non si vede, non si sa da dove viene né dove va. È imprevedibile e inclassificabile. Con questo voglio affermare che la spiritualità non è andare in Chiesa: è qualcosa che riguarda tutti gli esseri umani che vogliono essere liberi, ovvero tutti quelli che si pongono il problema di gestire le “raffiche di vento” che hanno dentro. Non di eliminarle, né di rimuoverle, perché è questo caos che ci distingue da tutti gli altri esseri viventi, e ci rende umani.» #VitoMancuso #Coronavirus

osservare

Osservare l’altro. hai presente quello sguardo, presente ?

Pensare è molto difficile.Per questo la maggior parte della gente giudica.La riflessione richiede tempo,perciò chi riflette già per questo non ha modo di esprimere continuamente giudizi.Carl Gustav Jung

Basta parole, oppure allenatele ! con cura e passione.

amore adulto andata e ritorno

Ho sempre pensato che gli abbracci delle coppie anziane , forse adulte, nascondessero dei segreti, come le loro lacrime, i loro sorrisi e poi, quelle gentilezze piene di mistero e vertigine.

E’ una bella sintesi se possibile farne una. Jung sempre lui.

Si ama solo a condizione di essere individui interiormente LIBERI. «Se si è scrutato e reso cosciente l’elemento eterosessuale della propria Anima [La donna interiore nell’uomo, e Animus l’uomo interiore nella donna] ci si è resi padroni di sé, delle proprie emozioni e dei propri affetti: ciò significa anzitutto effettiva indipendenza, ma significa pure solitudine, quella solitudine dell’uomo “interiormente libero” che nessuna relazione amorosa o collaborazione può più gettare in catene, per il quale l’altro sesso ha perduto il suo carattere inquietante, perché egli ha appreso a conoscerne i tratti essenziali nella profondità della propria anima.Un uomo di tal genere non potrà nemmeno più essere “innamorato” perché non potrà più perdersi in un altro, ma sarà ancor più capace di profondo “amore”, inteso come cosciente dedizione al Tu…soltanto nell’età matura diventa una necessità occuparsi di questo problema.Nella prima metà della vita l’unione con l’altro sesso mira più che altro al congiungimento fisico, per far nascere il “figlio corporale”, frutto e continuazione dei genitori, nella seconda età della vita ciò che conta è invece la “coniunctio” psichica, l’unione con il compagno o la compagna dell’altro sesso nell’ambito del proprio mondo interiore e con chi ne porta l’immagine nel mondo esterno, affinché nasca il “figlio spirituale” e dia durevole frutto all’essenza spirituale dei due compagni.»📙 JOLANDE JACOBI – La psicologia di C.G.Jung

Oracolo Google

In due parole la verità oggi con tutti questi algoritmi in giro !

“La verità non va confusa con l’opinione della maggioranza.”
Jean Cocteau

Vizi immortali

Fumo con classe .

Sto con Scurati.

“Qualunque storia — scriveva Hemingway — se la racconti sufficientemente a lungo, finisce con la morte. È questa essenza della condizione umana a rendere i vizi, gli eccessi, i piaceri peccaminosi una delle più alte manifestazioni di vitalità della nostra specie. Sono brevi momenti d’intensificazione vitale, piccoli carnevali quotidiani, istanti di oltranza nei quali l’individuo insorge dentro e contro il proprio destino di mortale.

Una politica della «buona vita» che non tenga conto di ciò, non avrà compreso niente della condizione umana. Io voglio la «città verde», sogno cieli puliti e foreste urbane, sono disposto a battermi e a tassarmi per esse, ma solo a patto di poter rimanere me stesso, un uomo libero con le sue (poche) virtù e i suoi (inestirpabili) vizi, sotto quei cieli e quelle fronde. In caso contrario, l’utopia ecologica diventerebbe un incubo orwelliano in salsa di soia .

Crea/attivo

Ognuno veda quel che vuole

A Bacoli (Na) un fico è cresciuto, lussureggiante, al contrario. Portato dal vento, il suo seme ha ingravidato la crepa di una volta in pietra. Con ingegno naturale ha invertito la direzione di crescita sciogliendo a testa in giù le chiome. Le ferite siano spazio di rinascita.

Leggo la biografia di Bob Dylan in questi giorni e come dire sono accordato strano . Tra infinito e finito . Dormo poco e bene .

Il libro e questo . Se si è pronti è clamoroso. Ci troviamo lì .

Chronicles vol.1 Feltrinelli

Libertà in vena

“Ammettiamo che il criterio pedagogico è uno solo: la libertà”
Lev Tolstoj

“E’ come viaggiare gratuitamente”
“Scoprire la parte di sotto dell’iceberg”
“Abbandonare il pregiudizio”
“Decontestualizzare le cose note”
“Innescare il desiderio di raccontarsi”
“Sviluppare il nostro muscolo delle associazioni, collegare le nostre idee tra loro e giocare con questa abilità”
“Considerare le cose che solitamente vengono trascurate e cambiare continuamente il punto di vista”
“Allenare lo sguardo”
“Sviluppare la partecipazione come metodo per esprimere la libertà”
“Eliminare la nostra dipendenza dal giudizio”
“Bisogna innescare un desiderio!”
”Da piccola immaginavo che il pavimento fosse il tetto e viceversa. Immaginare l’ambiente in modo nuovo ti fa sembrare di uscire dal posto in cui ti trovi”
“Liberarsi della sensazione di dover fare qualcosa di necessariamente ”sensato”
“Rapportarsi a più persone diverse e al loro sentire”

[principi pedagogici fondamentali sottoscritti oggi dalla costellazione di studenti e studentesse alla terza lezione del corso di Didattica dei linguaggi artistici]

Accademia di Belle Arti di Napoli Scuola di Didattica dell’arte AbaNapoli

Grazie a Valentina Pagliarini (non museo Cesena )

Rock and roll

Io cerco l’amore in ogni mondo perché l’amore è ciò che ho perduto.
Eppure non esiste né l’incontrarsi né il separarsi, esiste unicamente il puro piacere dello spazio dinamico.

🙏 🐉 #SeleneCalloniWilliams

Jung il mio eroe

Oggi non solo è solstizio ma è anche teatro di uno degli eventi cosmici più importanti del secolo, la grande congiunzione Giove-Saturno.

“Probabilmente esiste qualche collegamento, nell’inconscio dell’uomo, con – si potrebbe dire – l’Universo.
Ci deve essere qualcosa nell’uomo che è universale; in caso contrario egli non avrebbe potuto fare una proiezione simile, non potrebbe leggere se stesso nelle costellazioni più remote.
Non si può proiettare qualcosa che non si possiede; qualsiasi cosa si proietti in qualcun altro è dentro di sè, si trattasse pure del diavolo stesso. Il fatto che proiettiamo qualcosa nelle stelle significa quindi che possediamo qualcosa che appartiene anche alle stelle.
Facciamo veramente parte dell’universo.
Giacchè si fa parte del cosmo, qualsiasi cosa si faccia dovrebbe essere in armonia con le leggi del cosmo stesso.”

Carl Gustav Jung

Ma che credi all’oroscopo? No credo alle stelle

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Pianopiano forteforte

Taccuino di una mente affollata.

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

consciety.wordpress.com/

Il blog che ti racconta cosa c'è dietro a quello che indossi

Disobbedienze: culture digitali e tecnologia

Antropologo in una epoca di passaggio. È vero che non sei responsabile di quello che sei, ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

IN BRODO

Nulla si butta tutto si trasforma. L'antica tecnica culinaria del brodo per riscoprire la relazione profonda tra il cibo le persone e il territorio.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: